Articoli, Elezioni, Elezioni Europee 2024

Appello a tutti gli amici.

Spread the love

Siamo entrati in una fase storica estremamente complessa e pericolosa. Il Deep State europeo, preoccupato a causa del lievitare di movimenti sovranisti anti-establishment, ha sguinzagliato i suoi gatekeepers creando, in prossimità delle elezioni europee, una serie di movimenti politici fasulli per confondere le acque, portare la protesta verso binari morti e con lo scopo di sgretolare questo profondo desiderio di cambiamento che sale dai popoli europei. Non prendo in considerazione i partiti politici “istituzionali” legati mani e piedi alle Forze che manovrano il mondo. Ebbene, fatta questa premessa vorrei parlare dei pericoli che ci attendono e che il mainstream non ci nasconde, anzi a cui ci prepara con il suadente metodo della “rana bollita”:

  1. l’olocausto nucleare, che ci viene presentato come cosa buona e giusta quando si tratta di abbattere un dittatore sanguinario come Putin e sostenere un sincero democratico come Zelensky (o Netanyahu) che poi il campo di battaglia sia (e sarà nella malaugurata ipotesi di una guerra) l’Europa, questo è un dettaglio insignificante per le élites.;
  2. il mainstream continua con il pressing terroristico sul “climate change” e indica nel ex-ceto medio e nelle masse lavoratrici i corresponsabili del disastro ambientale, con tutto il corollario demenziale che ne consegue: obbligo della trasformazione delle abitazioni in case green, auto elettriche, cibo a base di insetti e quant’altro.
  3. le varie Agende del WEF, dell’OMS e altre simpatiche e benefiche organizzazioni, premono sul depopolamento, sulle future pandemie e sulle follie green, irrompendo quotidianamente nella nostra sfera privata provocando inquietudine ed ansia;
  4. last but not least, invasione del nostro continente. Masse di immigrati premono ai confini, richiamati dalle varie organizzazioni “umanitarie” che non sono altro che il “braccio (dis)armato” della finanza globalista. Immigrati che serviranno come forza-lavoro a bassissimo costo. Questo comporterà la perdita dei diritti dei lavoratori acquisiti in anni di lotte sociali ed infine la fine del welfare. Ricordo che negli anni ’50, quando in Italia ci fu una forte spinta migratoria da sud verso nord , un presidente della Confindustria dell’epoca alla domanda del perchè non venissero create fabbriche nel meridione, rispose: “E’ più economico trasferire un milione di persone al nord che portare una fabbrica al sud”. Oggi accade la stessa cosa con l’immigrazione dal sud del mondo, ma questa volta il costo che pagheremo sarà pesantissimo e lo pagheranno i popoli europei, non certo le élites. Per queste ragioni e tante altre, chiedo a voi amici di aiutarci in sostenerci in questa battaglia epocale. Probabilmente questo di Democrazia Sovrana Popolare è l’ultimo treno, dopo non ce ne saranno più. Non perdiamolo. Nel frattempo dateci una mano nella raccolta delle firme. troverete la dislocazione dei banchetti www.dovefirmare.it Grazie

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*