Articoli

Perchè chiamare la penisola Italia?

Spread the love

Le solite parole d’ordine: slogan: integrazione, inclusività, accoglienza…Questi sono gli oicofobici della sinistra. Odiano tutto ciò che ricorda la storia della loro terra, le usanze, il retaggio, la cultura, la religione. Grazie alla sostituzione etnica e alle massicce iniezioni di allogeni otterranno il loro scopo. L’uomo nuovo che sognano è un uomo slegato da qualsiasi tradizione e legame di sangue. Un nihilistacasseur privo degli aspetti tragici dei demoni dostojevskijani, ma un nihilista giocoso, come i ragazzotti nordafricani e africani di seconda generazione che saltellavano ridendo sulle automobili a Gardland o a cui piace “fare casino” come ai giovani Ahmed, di piazza San Carlo a Torino. Ragazzi che non si sentono né italiani né più legati all’Islam. Questa è l’Italia sognata dagli oicofobici della sinistra. Patrioti de che, compagno Letta?! Si è patrioti se si ha una patria, voi non l’avete. Aspirate ad essere cittadini del Nullistan, arcobaleno.

7 Comments

  1. Un mentecatto del genere può arrivare dove e arrivato solo grazie alla fratellanza massonica, il potere in cambio della obbedienza cieca ed assoluta a Soros & Co. La “Legion d’Onore”(del tradimento) mentendo agli italiani non rischia nulla, almeno per ora, mentre con la cosca di cui fa parte non si scherza, Letta al suo orrido teschio ci tiene, eccome !

  2. Oneto li chiamava i Caini, nemici della propria terra, e parlava di Cainismo

  3. Sarcià Carmelo

    Povero gabbianoooo…. 🎼🎶🎵
    Ha perduto la Compagnaaaa… 🎼🎵🎶

  4. Condivido Alfio, ben scritto, aggiungo che il giocattolo si ritorcera’ contro di loro

  5. patridioti

  6. Questo idiota ( utile idiota per il pensiero unico ) non può andare ad integrare se stesso con l’Afganistan ?

  7. da Forza Italia prime prese di posizione a favore del diritto alla cittadinanza italiana.
    IlGiornale esalta la crescita del partito, trainata dal leader supremo amico del PD.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*