Articoli

La controrivoluzione americana

Spread the love

L’America si allontana dall’Occidente

 Maurizio Blondet  25 Giugno 2022 

La sentenza della Corte Suprema  cancella non “il diritto all’aborto”, come strillano tutti i media cialtroni,   ma la “legalizzazione obbligatoria dell’aborto in tutti gli Stati”, e restituisce    il potere di decidere sulla “profonda questione morale dell’aborto”,  se consentirlo o no,  “al popolo e ai suoi rappresentanti eletti”, a  quali la Roe versus Wade l’aveva sequestrato.

Con questa straordinaria sentenza, gli Stati Uniti cominciano un lungo viaggio. Abbandonano l’Occidente : l’Occidente dei Soros e dei Kagan e dei Bill Gates, del Planned Parenthood che vende i pezzi dei feti,  l’Occidente del Forum di Davos, l’Occidente dei continui gay prides  obbligatori  sponsorizzati dalle autorità. L’Occidente  dove le ambasciate espongono la bandiera arcobaleno. Lo strano Occidente come s’è  venuto formando   sotto i nostri occhi e  non riconoscevamo più.  L’Occidente di Greta e degli insetti come cibo per eliminare il CO2 dall’aria.  La Dittatura dell’Innaturale. In USA, dalla   sentenza del 1973, sono stati abortiti 63 milioni di bambini. Enormemente più dei morti per stragi da arma da fuoco, effetto collaterale del diritto costituzionale di portare armi –    un intero popolo è stato eliminato, al ritmo di oltre un milione di vite l’anno,  senza fare titoli sui giornali.

Un lungo viaggio verso la sanità mentale e  la civiltà  cristiana. Sarà un viaggio lungo e contrastato da violenza.  Ma avrà conseguenze che  nemmeno possiamo immaginare – nella misura in cui gli Stati Uniti sono il paese guida delle mode ideologiche e delle tendenze –    anche in Europa. Forse prima di quanto  possiamo sperare.

Per intanto,   uno dei giudici della Corte,  Clarence Thomas già evoca   il rovesciamento di  altri tre  precedenti discutibili:

Justice Thomas: la Corte Suprema dovrebbe riconsiderare le sentenze sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, la contraccezione

Il giudice della Corte Suprema Clarence Thomas ha scritto venerdì  che l’alta corte dovrebbe riconsiderare le sentenze sulla contraccezione, le relazioni tra persone dello stesso sesso e il matrimonio tra persone dello stesso sesso in un’opinione concordante da solista rilasciata venerdì che ha eliminato Roe v. Wade.

Il giudice nominato dai repubblicani ha sostenuto che la Corte Suprema dovrebbe riconsiderare altri casi che rientrano nei precedenti del giusto processo.

“Scrivo separatamente per sottolineare un secondo motivo più fondamentale per cui non c’è alcuna garanzia di aborto in agguato nella Due Process Clause”, ha scritto Thomas. “Considerabili prove storiche indicano che il “giusto processo di legge” richiedeva semplicemente agli attori esecutivi e giudiziari di conformarsi alle disposizioni legislative e al diritto comune quando privano una persona della vita, della libertà o della proprietà”.

Con la sentenza di venerdì, il “corte rifiuta di disturbare la giurisprudenza sostanziale del giusto processo in generale o l’applicazione della dottrina in altri contesti specifici”, ha anche scritto ( pdf ), aggiungendo che casi come Griswold v. Connecticut, che danno il diritto alle persone sposate di ottenere i contraccettivi, così come Lawrence v. Texas, una sentenza sul diritto di impegnarsi in un atto sessuale privato e consensuale, e Obergefell v. Hodges, il diritto al matrimonio tra persone dello stesso sesso, dovrebbero essere rivisitati.

“Sono d’accordo sul fatto che nulla nel parere [della Corte] dovrebbe essere inteso per mettere in dubbio precedenti che non riguardano l’aborto’”, ha aggiunto Thomas citando l’opinione della maggioranza del giudice Samuel Alito rilasciata venerdì.

ha affermato che, sulla base di quel precedente, “nei casi futuri, dovremmo riconsiderare tutti i precedenti sostanziali del giusto processo di questa Corte, inclusi Griswold, Lawrence e Obergefell”.

La decisione 6-3 ha confermato il divieto di aborto di 15 settimane del Mississippi, che si è scontrato direttamente con il requisito di Roe v. Wade secondo cui gli stati consentivano l’aborto fino al punto di vitalità fetale, circa 24 settimane. La sentenza ha anche annullato la decisione Planned Parenthood v. Casey del 1992 che riaffermava Roe.

Maurizio Blondet

4 Comments

  1. Un paese ancora democratico e vitale. Ai Dem serve un esorcismo (a giudicare dalle scomposte reazioni), e lo dico seriamente

  2. Sarcià Carmelo

    Un raggio di luce dal profondo delle tenebre… spero che duri abbastanza da non poter essere più rimosso…

  3. Mirella Zocovich Tainer

    Tutto giusto e ben delineato! Va detto che infatti in USA si nasce con il diritto costituzionale di possedere armi, la maggioranza di uccisioni per mezzo di armi da fuoco, secondo le statistiche, sono commessi da persone che questo diritto non lo hanno! I colpevoli sono per lo piu’ criminali venuti in possesso di armi illegalmente e son illegali loro stessi, ovverosia non cittadini!
    A riguardo di Roe vs Wade, eran ora! Le leggi si fanmo a livello legislativo, secondo la costituzione, il congresso, non la corte suprema. L’esecutivo,presidente, firma o vieta!

    L’articolo ….perfetto, mi ha meravigliato enormemente, sembra scritto da chi conosce perfettamente l’America, cosa rara all’estero e sopratutto in Italia!
    Mi da’ anche speranza che si’, finalmente ci siamo…era ora

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*