Articoli, Racconti fantastici

Alba Nera 3

Spread the love

Particolarmente pietosa fu l’occupazione delle sedi televisive e radiofoniche di Saxa Rubra, Segrate e de La7. In quest’ultima avvennero episodi particolarmente penosi fra i giornalisti. In questa emittente l’odio anti-russo era particolarmente forte e sentito. Furono arrestati giornalisti quali Formigli, Floris, Gruber, Parenzo, Giletti, Panella, Mentana e tutto il loro codazzo di aiutanti e collaboratori. L’amara sorpresa fu totale e la si poteva leggere nei volti terrei e lividi dei prigionieri. Formigli si chiuse in un cupo e sdegnato silenzio; Floris cancellò dal suo volto il sorrisetto di sufficienza e scherno che lo aveva reso celebre. Rimase in un angolo in silenzio, mentre calde lacrime gli rigavano il volto; la Gruber ebbe un prolasso delle labbra e degli zigomi siliconati che la rese inguardabile; Parenzo, verde in volto cominciò a belare e strillare. Si trasformò in uno squallido e infame delatore dei suoi colleghi. Fece nomi, cognomi e indirizzi degli anti-putiniani. Accusò tutti, perfino gli uscieri e la donna delle pulizie . Mentana fu scovato dentro un armadietto. Si difese dicendo che stava preparando una “maratona” nella quale avrebbe svelato tutte le menzogne della Nato, di Zelensky e della UE. Naturalmente non fu creduto e portato, insieme ai suoi compari a Ciampino, dove 5 Antonov carichi di scribacchini e pennivendoli, stavano per essere inviati in campi di identificazione/rieducazione posti in ridenti località del deserto siriano. Alla Rai, particolarmente penosa fu la cattura di Bruno Vespa che piuttosto di cadere vivo nelle mani dei soldati di Putin, cercò di suicidarsi, gettandosi dalla finestra del pianoterra, procurandosi lievi escoriazioni alle mani e la perdita di tre nei dal volto. A Mediaset gli arresti furono meno numerosi: Palombelli, Veronica Gentili, Beppe Brindisi e Paolone Del Debbio. A quest’ultimo, nulla valsero le benemerenze del padre partigiano, antifascista e rinchiuso in un lager che il giornalista era solito menare nelle sue trasmissioni di propaganda subdolamente anti-putiniana. Nella carta stampata si raggiunsero risultati olimpici nei “salti mortali carpiati con avvitamento a destra“; record mondiali nelle specialità del “saltafossi triplo” e nella corsa della “banderuola/voltagabbana

4 Comments

  1. tali record vennero bissati in politica, soprattutto nei piccoli comuni. un certo Cazzone riuscì ad accreditarsi quale agente in freddo putiniano

  2. Manlio+Montagna

    suicidarsi buttandosi dalla finestra del piano terra? Perdita di tre nei ? Magari !!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*