Articoli

Palazzi di m***a…

Spread the love

Non sono parole mie, ma di Alessandro Sallusti, che ieri sera nella trasmissione di Giletti, “Non è l’Arena“, preso dal sacro fuoco atlantista e filo-ucraino, se l’è presa con il Palazzo del Cremlino, covo, a suo dire, dei peggiori misfatti del comunismo. Ora, che al Cremlino ci siano passati fior fiore di criminali bolscevichi, è cosa vera e nota. Questo fatto ha contribuito a rendere sinistra e cupa la fama dell’edificio. Un po’ come la Torre di Londra, o la Conciergerie di Parigi, ma da qui a chiamarlo “Palazzo di Merda” ce ne corre.

 Pro-memoria per Sallusti: “Nel febbraio 1899 i ribelli, guidati dal nazionalista Emilio Aguinaldo, si sollevano contro i “liberatori”. La guerra che ne segue è implacabile. «Le Filippine saranno nostre per sempre», così si esprimerà il senatore Beveridge nel gennaio 1900. Da Manila alla catena di Cebu, passando per le pianure di Luzon, gli insorti verranno inseguiti senza tregua. Dopo qualche mese di combattimenti di tipo convenzionale, ha inizio una guerriglia feroce. Il generale Arthur MacArthur Junior, che esercita le funzioni di governatore generale, opta per la maniera forte: confische, requisizioni, saccheggio dei raccolti, distruzione delle proprietà, torture ed esecuzioni sommarie di prigionieri, non risparmiando neanche i civili. Si parla di 100-200 mila vittime filippine (c’è chi parla di 1 milione di morti NdA).

Questo è un piccolissimo esempio delle guerre USA che hanno attraversato il ‘900 e il nostro secolo. Guerre che hanno causato milioni di vittime, la maggior parte civili. Perché dico questo? Perché quando Sallusti vede sul video un giornalista con alle spalle la Casa Bianca, dovrebbe saltare sulla sedia e andarsene indignato per la presenza di quella Casa Bianca dove sono stati pianificate guerre, invasioni e misfatti di ogni genere. O no?

3 Comments

  1. mah, è proprio l’espressione in sè, mi pare napoletana, ad essere greve ed antipatica

  2. A proposito di M :

    Ambiente, sul blog di Grillo il pranzo è servito: grilli, larve e locuste ai bambini delle elementari.
    Il post chiarisce che si tratta di alimentazione sostenibile e che ci «sono circa 2000 specie di insetti commestibili, molti dei quali ricchi di proteine»
    Da LaStampa.
    ( mi piacerebbe vedere cosa mangia il pallone gonfiato ). Comunque dai l’addio alle pappardelle, all’arista ed alle fiorentine, Grillo te lo chiede.

  3. Parole sante Alfio, sottoscrivo. Come hai fatto giustamente notare, la caduta di stile di Sallusti (altrimenti circonfuso sempre di un aplomb molto “british”), e’ la migliore prova della malafede dei tanti che sono trinariciutamente atlantisti, come lo furono i compagni alla Guareschi nel dopoguerra.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*