Articoli

La Caduta dell’Europa.

Spread the love

Come l’Europa è stata spinta verso il suicidio economico

Estratto articolo Maurizio Blondet.

Con l’attivo aiuto della “leadership” europea, gli Stati Uniti stanno riuscendo a rovinare l’Europa.

Come ha scritto all’inizio di febbraio , prima dell’intervento della Russia in Ucraina , Michael Hudson, professore di economia all’Università del Missouri, Kansas City  :

L’America non ha più il potere monetario e l’eccedenza commerciale e bilancia dei pagamenti apparentemente cronica che le ha permesso di stabilire le regole del commercio e degli investimenti mondiali nel 1944-45. La minaccia al dominio degli Stati Uniti è che la Cina, la Russia e il cuore dell’isola eurasiatica di Mackinder stanno offrendo opportunità commerciali e di investimento migliori di quelle offerte dagli Stati Uniti con la loro richiesta sempre più disperata di sacrifici da parte della NATO e di altri alleati. L’esempio più lampante è la spinta degli Stati Uniti per impedire alla Germania di autorizzare il gasdotto Nord Stream 2 a ottenere gas russo per il prossimo freddo. Angela Merkel aveva concordato con Donald Trump di spendere 1 miliardo di dollari per costruire un nuovo porto di GNL per diventare più dipendente dal GNL statunitense a prezzi elevati. (Il piano è stato annullato dopo che le elezioni statunitensi e tedesche hanno cambiato entrambi i leader.) Ma la Germania non ha altro modo per riscaldare molte delle sue case e edifici per uffici (o fornire le sue società di fertilizzanti) se non con il gas russo.

L’unico modo rimasto ai diplomatici statunitensi per bloccare gli acquisti europei è spingere la Russia a una risposta militare e poi affermare che vendicare questa risposta supera qualsiasi interesse economico puramente nazionale. Come ha spiegato il sottosegretario di Stato per gli affari politici, Victoria Nuland, in una conferenza stampa del Dipartimento di Stato il 27 gennaio: “Se la Russia invaderà l’Ucraina in un modo o nell’altro, il Nord Stream 2 non andrà avanti”. Il problema è creare un incidente adeguatamente offensivo e rappresentare la Russia come l’aggressore.

A metà febbraio un osservatore dell’OSCE ha notato che il bombardamento di artiglieria del Donbass da parte degli ucraini è aumentato da una manciata a oltre 2.000 esplosioni al giorno. La Russia ha reagito a questi preparativi per l’attacco riconoscendo le repubbliche del Donbass, firmando accordi di difesa con loro e infine venendo in loro aiuto.

Poco dopo il lancio dell’operazione militare russa, il professor Hudson sviluppò ulteriormente i suoi primi pensieri :

Il recente incitamento alla Russia attraverso l’espansione della violenza etnica anti-russa ucraina da parte del regime neonazista ucraino post-2014 Maiden mira a forzare una resa dei conti. Viene in risposta al timore degli interessi statunitensi di perdere la presa economica e politica sui loro alleati della NATO e su altri satelliti dell’area del dollaro poiché questi paesi hanno visto le loro maggiori opportunità di guadagno risiedere nell’aumento del commercio e degli investimenti con Cina e Russia.

Come ha spiegato il presidente Biden, l’attuale escalation militare (“Prodding the Bear”) non riguarda proprio l’Ucraina. Biden ha promesso all’inizio che nessuna truppa statunitense sarebbe stata coinvolta. Ma ha chiesto per oltre un anno che la Germania impedisse al gasdotto Nord Stream 2 di rifornire la sua industria e le sue abitazioni con gas a basso prezzo e si rivolgesse ai fornitori statunitensi a prezzi molto più alti.
L’obiettivo strategico più urgente degli Stati Uniti del confronto della NATO con la Russia è l’aumento vertiginoso dei prezzi del petrolio e del gas. Oltre a creare profitti e guadagni sul mercato azionario per le società statunitensi, l’aumento dei prezzi dell’energia sottrarrà gran parte della forza all’economia tedesca.

All’inizio di aprile il professor Hudson ha dato un’altra occhiata alla situazione:

Ora è chiaro che la Nuova Guerra Fredda è stata pianificata più di un anno fa, con una seria strategia associata alla percezione dell’America di bloccare il Nord Stream 2 come parte del suo obiettivo di impedire all’Europa occidentale (“NATO”) di cercare prosperità attraverso scambi e investimenti reciproci con Cina e Russia.

Quindi le regioni di lingua russa di Donetsk e Lugansk sono state bombardate con crescente intensità e, quando la Russia si è ancora astenuta dal rispondere, secondo quanto riferito sono stati elaborati piani per una grande resa dei conti lo scorso febbraio: un pesante attacco dell’Ucraina occidentale organizzato da consulenti statunitensi e armato da Nato.

Il commercio e gli investimenti europei prima della Guerra per creare sanzioni avevano promesso una crescente prosperità reciproca tra Germania, Francia e altri paesi della NATO nei confronti di Russia e Cina. La Russia stava fornendo energia in abbondanza a un prezzo competitivo e questa fornitura di energia doveva fare un salto di qualità con il Nord Stream 2. L’Europa doveva guadagnare la valuta estera per pagare questo aumento del commercio di importazione combinando l’esportazione di più manufatti industriali in Russia e investimenti di capitale nella ricostruzione dell’economia russa, ad esempio da parte delle compagnie automobilistiche tedesche, aerei e investimenti finanziari. Questo commercio bilaterale e questi investimenti sono ora fermi – per molti, molti anni, vista la confisca da parte della NATO delle riserve estere russe detenute in euro e sterline britanniche.

La risposta europea alla guerra per procura degli Stati Uniti contro la Russia si è basata su un moralismo isterico guidato dai media o forse un’isteria moralizzante. Non era ed è né razionale né realistico.

La “leadership” europea ha deciso che nient’altro che il suicidio economico dell’Europa era sufficiente per mostrare alla Russia che Bruxelles era seriamente amareggiata. Governi nazionali stupidi, compreso quello tedesco, hanno seguito quel programma. Se dovessero rimanere sulla loro strada, il risultato sarebbe una completa deindustrializzazione dell’Europa occidentale.

Nelle parole di un serio osservatore:

Oggi vediamo che per ragioni puramente politiche, spinti dalle proprie ambizioni e sotto la pressione del loro signore degli Stati Uniti, i paesi europei stanno imponendo più sanzioni sui mercati del petrolio e del gas che porteranno a una maggiore inflazione. Invece di ammettere i propri errori, cercano un colpevole altrove.

Si ha l’impressione che i politici e gli economisti occidentali semplicemente dimentichino le leggi economiche di base o semplicemente scelgano di ignorarle.

Dire no all’energia russa significa che l’Europa diventerà sistematicamente e a lungo termine la regione più costosa del mondo per le risorse energetiche . Sì, i prezzi aumenteranno e le risorse andranno a contrastare questi aumenti dei prezzi, ma ciò non cambierà la situazione in modo significativo.Alcuni analisti affermano che minerà gravemente o addirittura irrevocabilmente la competitività di una parte significativa dell’industria europea, che sta già perdendo terreno rispetto ad aziende di altre parti del mondo. Ora, questi processi aumenteranno sicuramente. Chiaramente, le opportunità per l’attività economica, con i suoi miglioramenti, lasceranno l’Europa per altre regioni, così come le risorse energetiche della Russia. Questo auto-da-fè economico… suicidio è, ovviamente, un affare interno dei paesi europei.

Ora le azioni irregolari dei nostri partner – questo è ciò che sono – hanno portato de facto a una crescita delle entrate nel settore petrolifero e del gas russo oltre al danno per l’economia europea.

Comprendendo quali passi farà l’Occidente nel prossimo futuro, dobbiamo trarre conclusioni in anticipo ed essere proattivi, trasformando i passi caotici sconsiderati di alcuni dei nostri partner a nostro vantaggio a beneficio del nostro Paese. Naturalmente, non dobbiamo sperare nei loro infiniti errori. Dovremmo semplicemente, praticamente procedere dalle realtà attuali, come ho detto.

Vladimir Putin, Incontro sullo sviluppo dell’industria petrolifera , 17 maggio 2020, Cremlino, Mosca.

Ora appare chiaro perché è scoppiato il conflitto russo-ucraino. Impedire la saldatura e l’integrazione politica, economica e militare fra Europa e Russia fino alla Cina. Progetto che avrebbe fatto nascere una potenza euro-asiatica e declassato gli USA a potenza di secondo rango. Prospettiva che ha sempre provocato fortissime preoccupazioni nel mondo anglo-sassone, in particolare negli USA, fossero essi governati da i dem o dai repubblicani. A questo punto parrebbe che la strategia Usa-Nato fosse vincente. L’ élite politica europea, formata da servitori, pare paralizzata dal terrore di ritorsioni statunitensi e ubbidisce all’ordine di suicidio. I popoli europei, ancora scioccati da due anni di “pandemia”, non sono in grado di cambiare con le elezioni i governi collaborazionisti e anche se lo fossero, verrebbero prese le contromisure come è accaduto con le elezioni negli USA e più recentemente in Francia. Ho sentito giorni fa che i nostri dati elettorali, prima di essere diffusi negli stati dove si vota, vengono inviati e “controllati” in database posti oltreoceano. Per questo dicono che in Francia avrebbe vinto la Le Pen. Vabbe’ roba da complottisti...

One Comment

  1. E, dopo la Carfagna, si muove la Gelmini in chiave Atlantista ed antiPutin.
    Che donne, che menti libere e democratiche !

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*