Articoli

Sinistra pacifista e guerra in Ucraina.

Spread the love
Padre Alex Zanotelli: “Noi pacifisti filo-Putin? Parole oscene

Vorrei sviluppare il mio pensiero su quanto accade a sinistra rispetto al conflitto ucraino. Lasciando da parte il caso umano del PD, trasformatosi in partito-garzone della NATO e speaker dei guerrafondai dem di Washington, è invece interessante analizzare la posizione della sinistra “radical-chic”, quella insomma che si è riunita al Teatro Ghione al seguito di Santoro ed altri esponenti di questa corrente. Nella vignetta che ho fatto ieri li rappresento come i loro padri che negli anni ’70 al tempo del terrorismo brigatista, proclamavano: “Né con lo Stato né con le Bierre”, oggi trasformato dai loro discendenti in un comodo :”Né con la Russia né con gli USA”. Il rifugiarsi nel pacifismo è un modo per non essere obbligati a scegliere una delle due parti in conflitto. E’ come mettersi alla finestra e guardare due litiganti che se le danno di santa ragione, gridando loro “Basta! Finitela. Vi fate male!”. Altra cosa sarebbe scendere per strada ed appoggiare moralmente uno dei due contendenti, perché in casi come questi solo uno dei due ha ragione. Zelensky è stato “aggredito”? Sì certo, ma dopo che per 8 anni ha fatto il bullo, avendo le spalle coperte dall’Occidente: Ue, NATO-Usa. Quindi sarebbe giusto e intellettualmente onesto parteggiare con uno dei due antagonisti e non stare a guardare a salmodiare e predicare la pace, quando questa può essere raggiunta solo con la vittoria di uno dei due antagonisti. E poi basta con le ipocrisie pilatesche del tipo : “Premesso che io condanno con tutte le mie forze l’aggressione di Putin alla Ucraina, però…”. Perfino il Papa abbandona la comoda narrazione pacifista ed usa parole pesanti sulla Nato, prendendo una posizione per molti inaspettata e dando in questo modo una sberla a tutti quei “cattolici” democratici pacifisti alla Tomaso Montanari che dicono e non dicono; tirano fuori la manina e poi la nascondono. Dice papa Francesco che : “l’abbaiare della Nato alle porte della Russia”, ha spinto Putin a reagire e, quindi, a scatenare l’inferno in Ucraina: “Un’ira che non so dire se sia stata provocata ma facilitata forse sì“. Cosa altro aggiungere.

PS: sulla destra è meglio sorvolare.

9 Comments

  1. Certo hai notato che il nostro caro Salvini ha di nuovo fatto una piroetta ed è diventato pacifista.
    Che uomo, che politico !!!

  2. destra? esiste?

  3. Perchè, c’è una destra in Italia?

  4. anche lui dice e non dice che l’ira di putin è stata provocata…
    (i cani da guardia abbaiano per difendere i padroni)
    (“la pace può essere raggiunta solo con la vittoria di uno dei due antagonisti”
    quindi quella di Zelensky?)

  5. I “pacifisti” sbucano fuori solo ora che hanno finalmente capito che la Russia sta vincendo la guerra e se prima Putin era disposto ad accontentarsi della concessione della autonomia al Donbas, ora che il sangue dei soldati russi e’ stato versato sui campi di battaglia, si prenderà tutto il sud-est fino alla transnistria compresa la città simbolo di Odessa, chiudendo lo sbocco al mare di quello che resterà dell’Ucraina che di fatto non esiste più. I “pacifisti” hanno avuto otto anni per chiedere la “pace”, non a Putin, ma a Biden, alla Nuland, a Soros ed ai neo-con, ora è tardi e bene fa Putin ad andare fino in fondo !

  6. Errata corrige: … chiudendo lo sbocco al mare a quello che resterà dell’Ucraina …

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*