Articoli

Ministero della Verità

Spread the love
Nina Jankovitz

Pubblico questo illuminante articolo di Maurizio Blondet che svela le trame della dittatura mondialista e i suoi progetti criminali.

Chi sono i capi del nuovo “Ministero della Verità” Americano (Chi l’avrebbe detto?)

Maurizio Blondet  30 Aprile 2022 

Subito dopo l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk  che lo apre alla pericolosissima libertà e pluralismo  di opinione, è copppiato il panico nel Deep State e nella cosca USA democratica:

Hillary Clinton ha invitato gli europei a intervenire per mantenere tale censura,  Barack Obama ha chiesto regolamenti statunitensi, e l’amministrazione Biden ha creato un nuovo comitato per la governance della   ha istituito urgentemente, presso il Department della Homeland Securiy (il ministero dell’Interno, DHS, che in Usa non esisteva: è stato istituito Da Bush jr dopo l’11 Settembre) una unità anti- “disinformazione” che è, di una organizzazione di polizia repressiva. Questa unità di “anti-disinformazione”  è stata definita, correttamente, dall’anchorman Tucker Carlkson  come il  “Ministero della verità”  di  Orwell  con potere di censura   poliziesca  sulle   informazioni che riguardano il COVID-19 e Russia e Ucraina, nonché sul porcaio che si è scoperto sul laptop di Hunter Biden. Questo Ministero della Verità sarà utilizzato anche per coprire la corruzione della famiglia Biden in Ucraina e Cina, nascondendo una scia di prove che risalgono a quando Joe Biden era vicepresidente. Con questa mossa di censura e controllo del pensiero, il DHS si trasformerà nella mafia personale della famiglia Biden .

Secondo Natural News, infatti,

“Con la formazione del “disinformation governance board” il DHS diventa la mafia personale della famiglia Biden

Il capo del DHS Alejandro Mayorkas, ebreo cubano,  ha sviluppato un “comitato di governance della disinformazione” che prenderà di mira ed eliminerà qualsiasi informazione incriminante che il governo federale non vuole che il pubblico sappia. Questo “comitato di anti-disinformazione” imporrà l’obbedienza pubblica agli oppressivi protocolli del coronavirus di Wuhan (COVID-19) e chiuderà qualsiasi prova di frode elettorale. L’agenzia si occuperà della “disinformazione relativa alla sicurezza interna, incentrata in particolare sulla Russia ”

ll direttore esecutivo di questa nuova impresa orwelliana si chiama  Nina Jankowicz. Ebrea discendente da abitanti del Ghettto di Varsavia,  è un’ex consulente del ministero degli Esteri ucraino ed ex membro della disinformazione presso il Wilson Center. Ha supervisionato le questioni relative al gruppo di lobby del National Democratic Institute.  Jankowicz sarà incaricata di mettere a punto le narrazioni ufficiali dell’amministrazione e prendere di mira qualsiasi opposizione a tali narrazioni.AdCompra azioni senza pagare commissioni con eToroeToro

La signora J è nota per aver liquidato  le ripugnanti rivelazioni scoperte  del laptop di Hunter Biden come “disinformazione”,  “operazione di falsificazione russa”, anche se le prove di rilevanza penale dal laptop sono ora di dominio pubblico .  E’ la stessa signora che ha dichiarato che  l’idea della libertà di parola “mi mette i brividi”.. Ha anche affermato che il problema era un “prodotto della campagna Trump” che avrebbe portato gli elettori di Trump a presentarsi alle urne armati e pronti a intimidire gli elettori

Ha twittato: “Onorata di prestare servizio nell’amministrazione Biden @DHSgov e di aver contribuito a plasmare i nostri sforzi di contro-disinformazione. — Nina Jankowicz (@wiczipedia) 27 aprile 2022.

Il regime di Biden cerca di porre fine al dissenso, poiché Elon Musk promette la libertà di parola su Twitter

Nina Jankowicz è molto preoccupata per il fatto che l’attuale regime e la sua rete di spacciatori di propaganda perderanno  parte della loro influenza sulle piattaforme dei social media, in particolare Twitter. Elon Musk, acquisendo Twitter ,  ha promesso di ripristinare la legittima libertà di parola sulla piattaforma . Jankowicz ha precedentemente etichettato Musk come un “abusatore online” e  chiesto  maggiore censura su persone come lui.

“Mi vengono i brividi al pensiero se gli assolutisti della libertà di parola stessero prendendo il controllo di più piattaforme.. “, ha affermato Jankowicz.about:blankabout:blank

Ma con Musk a capo di Twitter, i conservatori potrebbero presto avere parità di condizioni per discutere le questioni nella pubblica piazza digitale. Innumerevoli account conservatori potrebbero essere ripristinati quando Twitter si riapre, consentendo alle persone di discutere di varie questioni importanti. Sotto la guida di Musk, le liste nere e gli algoritmi di censura potrebbero essere smascherati. Le comunicazioni interne di Twitter potrebbero essere smascherate, svelando il controllo del governo e di interessi speciali sul flusso di informazioni. Il ripristino della libertà di parola su Twitter potrebbe esercitare pressioni su Facebook, Google e altre piattaforme per porre fine ai loro sforzi di interferenza elettorale . Nel frattempo, aspettiamoci  che l’attuale regime raddoppi la sua censura, mentre forza disperatamente le sue narrazioni storte sul popolo americano.

La Padrona del Discorso messa a dirigere il nuovissimo  ministero della Verità  ha  un lato comico-demenziale (carattere psichiatrico) che sembra tipico dell’amministrazione, fra il presidente Biden in demenza senile e la vicepresidente Kamala Harris che straparla in occasioni pubbliche dello “spazio che tutti ci racchiude e ci fa porre domande importati”  che manifesta postando canzonette su TikTok in cui si dice “la Mari Poppins della Disinformazione”.

https://twitter.com/wiczipedia/status/1362153807879303171?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1520065172441862144%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es3_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.zerohedge.com%2Fpolitical%2Fwatch-bidens-new-russia-hoaxer-disinfo-queen-goes-full-libs-tiktok

Jankowicz  ha testimoniato davanti alla Camera del Parlamento britannico l’anno scorso sul fatto che la “disinformazione di genere” è un “allarme per la sicurezza nazionale” e una minaccia alla democrazia che richiede la censura del governo.

3 Comments

  1. Siamo proprio sicuri che Musk sia una sorta di paladino della libertà?
    Conservo i miei dubbi e spero di avere torto.

    Via gli USA dall’Europa !

  2. Se Musk non fosse percepito come un pericolo per il deep-state, non ci sarebbe sta una levata di scudi così compatta contro di lui !

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*