Articoli

Romania vista da Repubblica e viceversa.

Spread the love

Dunque, secondo l’articolista di Repubblica, il 22 Dicembre di quest’anno, in Romania il Covid stava facendo stragi al confronto delle quali, quelle di Vlad Tepes, erano pinzillacchere. La Narrazione Ufficiale della situazione rumena doveva essere presentata a fosche tinte, anche perché, come tutti sanno, questo paese è uno di quelli che più si è ribellato al diktat vaccinatorio. Solo una piccola parte della popolazione si è vaccinata, quindi, a causa della sfiducia criminale nelle virtù magico-teologiche dei vaccini, ben si meritava la punizione divina della Pfizer e delle altre divinità Vax.

Poi improvvisamente, un inspiegabile miracolo: il crollo dei contagi. Contestualmente in Italia il morbo schizzava in alto, raggiungendo vette inviolate di contagi. Una bella rivincita morale per i romeni. Allora mi sono immaginato la vendetta: un articolo su un importante giornale romeno sulla disastrosa situazione italiana.

Ho riesumato alla bisogna Scinteia (Scintilla), il glorioso e potente organo di stampa del Partito Comunista Rumeno dai tempi di Anna Pauker fino a Ceausescu.

L’immaginario articolista scrive, gongolante, in prima pagina: “Boom di contagiati da Covid in Italia. Morti abbandonati nei cimiteri e nelle strade nonostante l’87% di vaccinati. VERGOGNA!” L’articolo continua , ironizzando sul governo italiano, sui politici, sul generale Pennuto, sui Virostar e sui giornalisti mainstream che, non sapendo più che pesci prendere, cercano disperatamente di arrampicarsi sugli specchi della Pandemiah.

Peccato che sia solo un sogno. Però la sicumera e l’arroganza di certa stampa mainstream italiana si meriterebbe una bella e profumata secchiata di letame in faccia.

2 Comments

  1. Dunque, la Romania ha un terzo dei nostri abitanti, quindi dovremo moltiplicare per 3 i suoi dati.
    Oggi ha avuto 1271 nuovi casi di Covid, quindi in Italia dovremmo aspettarcene un po’ meno di 4000… No, aspetta! Sono stati quasi 100mila…
    I morti però, quelli cì che contano! Difatti in Romania oggi ce ne sono stati 33, quindi in Italia 100… ah, no, peccato anche qui: 136.
    Ma la Romania ha avuto un picco prima, con un sacco di contagiati! Difatti, un picco a 18863, che corrispondono all’enorme numero di quasi 57mila italiani, mentre il picco da noi, oggi è di soli, dunque, ehm, sì, 98.030…

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*