Articoli

Giorgia sulla cresta dell’onda, ma stia in campana…

Spread the love

Ieri sera guardando Piazza Pulita mi sono affiorati alla mente alcuni pensieri terrapiattisti. Riguardando la trappola tesa da Fanpage al Barone Nero e al gruppo milanese di Fratelli d’Italia (Fidanza, Volpecina ed altri), osservando il livore che sprizzava da tutti i pori Formigli e il suo compagno di merengue, Scanzi per il successo della Festa di Atreju, e sommando a tutto ciò l’agguato antifascista teso al professor Marco Tarchi e al professor Franco Cardini dai compagni di merengue succitatio, mi sono chiesto: ma potrebbe mai la Meloni con il suo partito far parte di un governo di centrodestra come leader e Presidente del Consiglio? La risposta è stata: no. La storia dei governi di centrodestra è ben nota: Berlusconi massacrato dalla magistratura e ridicolizzato al termine del suo percorso dal bunga bunga; Salvini infinocchiato da Matty, Zingaretti e finito miseramente fra gli ombrelloni del Papeete. Per la Meloni invece cosa potrebbero inventare? Ed ecco la mia ipotesi terrapiattista: visti i precedenti delle infiltrazioni di Fanpage, visti i fenomeni di “pentitismo” nel movimento novacs, sono arcisicuro che all’interno di Fratelli d’Italia ci siano decine di agenti provocatori “dormienti”, anche a livelli abbastanza alti, che, nel caso di vittoria del cdx, sarebbero risvegliati . Una volta desti si farebbero immancabilmente filmare a qualche cena o festa privata mentre fanno saluti fascisti, inneggiano a Mussolini e Hitler o auspicano le camere a gas per i migranti. Ovviamente questi filmati capiterebbero casualmente nelle mani dei media mainstream o in qualche trasmissione quale, la butto lì, Piazza Pulita. Formigli per questo genere di scoop ha un repertorio mimico-facciale e vocale eccezionale per mostrare allo stesso tempo sdegno, preoccupazione disgusto antifascista. E poi insieme a lui ci sarebbero sempre a dargli man forte i suoi compagni di merengue e quindi…addio Meloni.

6 Comments

  1. La storia infinita

  2. Perfettamente d’accordo!

  3. Temo tu abbia ragione Alfio, del resto ormai da dieci anni e’ piu’ la democrazia in Italia e’ commissariata, serve davvero qualche cosa di speciale ed inusitato per cambiare indirizzo.

  4. Non c’è neppure bisogno di infiltrati, basta la magistratura, che interviene anche in assenza di reato.

  5. Giuseppe Leone

    Il problema è che i
    Giornalisti hanno il lasciapassare per cui in nome della informazione possono fare di tutto. Da una parte la sinistra parla di diritto civili ma se uno è sospettato di Fascismo anche a parola può essere indagato con i mezzi che di vogliono, senza nessuna garanzia, che naturslmente pretendono per loro; e poi questi stessi vengono messi alla gogna non per reati del fare ma del pensare, per cui se uno viene accusato di pensare fascista viene condannato alla gogna mediatica hic stantibus rebus e si tenta anche di rispolverare l’apologia di Fascismo, che è tutt’altra cosa che stare con i propri amici e parlare bene del Fascismo, magari ricordando in tempo di COVID, che a Roma fece lo Spallanzani e il Forlanini.

    • Sono d’accordo. Il bello è che uno non può rinfacciare il loro comunismo latente o le Brigate Rosse o Pol Pot. Il comunismo nonostante abbia fatto 10 volte i morti che vengono attribuiti al fascismo è al di sopra di ogni giudizio. Ha vinto la guerra e ha sconfitto il Male Assoluto. Chiuso.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*