Articoli

La Sindrome Cinese

Spread the love

A vedere queste immagini uno potrebbe pensare di trovarsi in qualche città cinese, dove oppositori vengono prelevati e portati via in qualche gulag sperduto. Per ora da noi vengono solo portati in Questura. Per ora. Diciamo che la tecnica è la stessa anche se questo tipo di “cattura” dei devianti l’ho vista in opera in Germania e in Francia. Il metodo è semplice: un gruppo di poliziotti penetra nella manifestazione, cattura un deviante e lo arrestano. In Germania e Francia lo fanno poliziotti in divisa. Qui da noi viene messo in pratica da poliziotti infiltrati in borghese che fingono di essere manifestanti. Poi quando il malcapitato meno se lo aspetta lo bloccano e lo portano via. La gente intorno guarda il fatto stupita: c’è chi riprende la scena con il telefonino; altri gridano: “Vergogna!” ma tutto finisce lì. Nessuno che cerchi di liberare il compagno sfortunato. Questo atteggiamento indica che i manifestanti sono persone pacifiche e mansuete, persone perbene che mai oserebbero alzare le mani contro le Forze dell’Ordine. Da ciò si evince che queste manifestazioni mancano di organizzazione, di un simulacro di servizio d’ordine che controlli persone sospette, magari conosciute perché messesi in mostra in altre manifestazioni, di capi. Paiono greggi di pecorelle pronte al macello. Sono totalmente dell’idea che queste dimostrazioni debbano essere pacifiche e non violente; ma quando serve occorre che qualcuno si ponga anche a muso duro verso i provocatori e gli infiltrati siano essi giornalisti di Fanpage o di Piazza Pulita o poliziotti in borghese e soprattutto c’è bisogno di gente che impedisca arresti arbitrari.

Insomma il gregge pacifico va bene, ma ci vuole un pastore e un pugno di cani che all’occorrenza sappiano mostrare i denti ai lupi.

2 Comments

  1. Perfettamente d’accordo.
    E se un poliziotto è in borghese, e non si qualifica, malmenare un cittadino (che è già un atto di violenza gratuito di per sé) diventa un atto totalmente arbitrario cui qualsiasi altro cittadino ha il diritto di opporsi, anche con la forza.
    Spero che prima o poi questi vigliacchi che scaricano le proprie frustrazioni sui più deboli trovino pane per i loro denti.
    E lo scrivo da figlio di militare e nipote di carabiniere.

  2. Immagino che se mi si avvicina un tizio in borghese e mi chiede i documenti, sia mio diritto chiedere chi sia e chiedergli di mostrarmi un tesserino se sostiene di essere un poliziotto.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*