Articoli

L’audace colpo dei Soliti Ignoti

Spread the love

Siamo in grado di anticipare lo scoop che Formigli, in combutta con Fun Page, ha intenzione di presentare nella sua trasmissione Giovedi prossimo. I fatti: una giornalista di Fun Page, spacciandosi per una fervente novax, un mese fa avvicinò il noto Barone Nero a Milano, proponendogli un’alleanza fra la destra neofascista e il movimento novax. Fine ultimo quello di costruire un grande movimento popolare in grado di dare una spallata al sistema draghista-piddino. Fece anche capire che avrebbe potuto finanziare questo movimento con i soldi provenienti dalla vendita di lingotti d’oro provenienti da un tesoro nazista trovato da alcuni suoi camerati nel lago di Attersee in Austria. Il Barone Nero, reduce da una bruciante sòla ricevuta da un giornalista sempre di Fun Page che lo aveva pesantemente sputtanato, chiese alla ragazza delle referenze, altrimenti non se ne sarebbe fatto di niente. Dopo qualche giorno la finta attivista novax, con una microcamera sull’ occhiello della giacca, nascosta tra i petali di un fiore, portò una lettera scritta a macchina con l’intestazione della CGIL, proveniente da una risma sottratta durante l’assalto al sindacato e indirizzata al Barone Nero, del noto capo di FN Giuliano Castellino. “Caro Barone Nero, la latrice della presente è persona fidata. Garantisco personalmente per lei. Camerateschi saluti etc etc. ” Seguiva firma, ovviamente falsa. A questo punto il Barone Nero introdusse la falsa attivista nelle riunioni segrete dei nazi-novax. Il colpo da maestra, la giornalista lo portò quando riuscì a filmare una festa all’interno di una villa dove campeggiavano ritratti di Hitler, Mussolini ed altri dittatori fascisti. I partecipanti indossavano tutti camicie nere o divise naziste e cantavano : “La gente come noi non molla mai…” . L’infiltrata per farsi condurre dai capi di questa rete occulta portò un falso lingotto d’oro da 25kg (piombo coperto da una lamina in lega di ottone e oro). Il Barone Nero la presentò a due incappucciati tipo KKK e disse: ” Camerati, la qui presente A.B: può procurarsi altri nove di questi lingotti se noi supporteremo politicamente il nuovo movimento no-vax che nascerà a breve. I due alla vista del lingotto si congratularono con il Barone Nero, riabilitandolo de facto dopo la figuraccia che aveva fatto fare a FdI e alla Lega, e dettero la loro entusiastica approvazione. Le loro voci registrate- scoop nello scoop – ad un esame vocale effettuato da alcuni tecnici del suono di Pizza Pulita e de La7 risultarono essere quelle di Salvini e della Meloni!!!

La consegna degli altri “lingotti” fu fissata per il 2 di Novembre in un bar . Un uomo seduto ad un tavolino all’aperto, (Paolo Berizzo, noto giornalista cacciatore di fascisti, opportunamente mascherato con cappello sciarpa e occhiali neri) avrebbe consegnato ad una donna, previa parola d’ordine, il trolley carico d’oro. Arrivò la data stabilita decine di giornalisti ai tavolini dei bar o fingendo di camminare lì per caso ripresero la scena. Pronunciata la parola d’ordine: “in culo alla balena/crepi la balena”, la donna completamente celata da una sciarpona, bavero alzato, occhiali neri e cappello, si avviò verso l’angolo della strada, dove dentro un furgone l’attendeva il Barone Nero. Pare che quando si accorse della seconda sòla, vedendo il contenuto del trolley pieno di libri sulla vita di Matteo Bassetti, Massimo Galli, Roberto Burioni, Antonella Viola, Ilaria Capua etc., il Barone Nero abbia cominciato a dare in escandescenze, urlando frasi sconnesse e minacce contro Fun Page e Pizza Pulita e tutti i virostar. Fermato da una volante fu condotto all’ospedale di Niguarda. Si trova ancora lì sedato e in osservazione.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*