Articoli, Spigolature

Neolingua

Spread the love

Com’erano brutte, volgari e di destra le parole “utero in affitto“. Mettevano in cattiva luce tutti coloro (in particolar modo gay) che intendevano avvalersene. A questo punto è intervenuto il Ministero della Neolingua Arcobaleno che dopo un’attenta valutazione ha concepito i termini buoni e giusti per far ingoiare alle masse ottuse e refrattarie l’innovazione. “Utero in affitto” è stato quindi tradotto nella lingua arcobaleno in: “gravidanza solidale“. Tutta un’altra musica. Le parole contano eccome! Quelle dei bifolchi fascio-leghisti-nocovid sono come pietre; quelle del Mondo Buono sono dolcissime caramelle.

4 Comments

  1. Sei sempre il migliore, grazie Alfio.
    Sei l’unico a rivelare la verità in chiave moderna.

  2. Ho amato Kafka e Orwell, Pirandello e Beckett.
    Mi rendo conto che erano dei dilettanti al confronto degli attuali decerebrati bastardi.
    Vanno fermati.

  3. utero in leasing

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*