Articoli, Racconti fantastici

La Variante Golpista

Spread the love

21 Marzo 2021. All’alba ci fu un grande sferragliare di cingoli per le strade. Qua e là sporadici colpi d’arma automatica. Il rumore più insistente veniva dal cielo. Decine di elicotteri continuarono a ronzare per ore sopra le città. Per le strade, intanto, migliaia di militari e paramilitari perquisivano emittenti televisive, stazioni radio, giornali e arrestavano migliaia di persone. Ogni trasmissione era stata sospesa. Nelle Tv, radio e sui social venivano trasmesse solo marce militari ed inni patriottici. Fu annunciato un importante discorso per le 12.

Alle 12 in punto i capi delle Forze Armate apparvero sullo schermo. Parlò per tutti l’Ammiraglio GB. Disse che la situazione era giunta ad un punto di rottura e per evitare il baratro le Forze Armate erano state costrette ad intervenire per salvare la nazione. Disse che erano stati arrestati i vertici della Protezione Civile, del CTS e decine di virologi, che per mesi avevano terrorizzato il popolo. Oltre a loro finirono nei campi di raccolta migliaia di medici e infermieri e rappresentanti del Big Pharma che avevano supportato con dichiarazioni terrorizzanti la narrazione ufficiale; furono inoltre arrestati migliaia di politici e giornalisti in prima linea nel sostenere la psico-pandemia. Le trasmissioni e i talk in tv, dal giorno del golpe, furono gestite da medici e giornalisti no-vax e negazionisti. Furono abolite le restrizioni e i lock-down. La gente ritornò a vivere e ad uscire di casa. La gioia pervase il paese. Le persone sciamavano libere per le strade, abbracciandosi e offrendo fiori ai soldati del popolo come vennero chiamati i militari che presidiavano le città.

Dopo una settimana gli ospedali, grazie ai nuovi protocolli, si svuotarono, i contagi crollarono.

Carlo sentì suonare la sveglia. Era l’ora di alzarsi e mettersi davanti al pc. Il lavoro lo attendeva. Mentre si preparava il caffè pensò al bel sogno che aveva fatto e fra sé pensò amaramente: ” Peccato che i sogni muoiano all’alba…”

2 Comments

  1. … esatto, giusto un sogno …
    un saluto
    Piero e famiglia

  2. Manlio Montagna

    Chissa ?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*