Articoli

2° Lockdown

Chi di voi mi conosce un po’ sa che sono sospettoso, malfidato, guardingo. Insomma sono un po’ come San Tommaso: non credo se non vedo. Dunque, si fa un gran parlare del nuovo lockdown. Nei social tantissimi scrivono: “No! Non è possibile!”; “Ci sarebbe la rivoluzione!” ; “Sarebbe un colpo mortale per la nostra economia!” etc. etc. Questi amici dimenticano una cosa: i golpisti che ci governano hanno nelle loro mani una leva potentissima: il Terrore. Se i governanti nei prossimi giorni “gonfiassero” i numeri dei contagiati e dei morti. 30.000 contagiati, 40.000 contagiati ; 500 morti, 1000 morti e via discorrendo? Immaginate le aperture dei Tg con i conduttori con aria affranta , pallidi annunciare l’avanzata irresistibile del Covid. Immaginate Mentana, Gruber, Formigli che magari vi porterebbe con le sue telecamere in un viaggio nei gironi danteschi delle rianimazioni ; immaginate video (fake) con camion militari che caricano bare (vuote) da portare alla cremazione; immaginate i virologi del regime: i Galli, i Crisanti, i Lo Palco con aria severa puntare il dito contro i miscredenti. Credete che la massa delle persone avrebbe la forza di resistere a questa offensiva terroristica? Forse qualche irriducibile che sarebbe immediatamente condannato alla morte civile. Qualcuno potrebbe domandare: “Ma come fanno ad aumentare il numero dei contagiati e dei morti?” Risposta: “Semplice: c’è forse qualcuno che si prenderebbe la briga di andare a controllare? E come? Girerebbe per tutti gli ospedali e i pronto soccorsi d’Italia a verificare le centinaia di migliaia i tamponi o le cartelle cliniche?” Il Deep State nostrano ha in mano oltre la leva del Terrore anche quella dei Numeri. Senza contare poi che il tutto sarebbe secretato, come va di moda di questi tempi. Meditate, gente. Meditate.

2 Comments

  1. È da tanto che, troppo pochi, meditiamo, caro Alfio.

  2. ormai San Tommaso, nella realtà virtuale, avrebbe qualche difficoltà

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*