Racconti fantastici

Black Swan

Documento ritrovato fra le rovine di Palazzo Chigi nel 2064.

“Si era giunti al termine dei Tempi. Questo i Signori del Mondo lo sapevano benissimo. Tutti abili finanzieri, si rendevano conto che la Grande Bolla sarebbe esplosa di lì a poco trascinando il mondo nel baratro. Che fare? Era fondamentale resettare tutto: economia, politica, religioni, antagonismi nazionali ed etnie. Le opzioni erano quattro, come i Cavalieri dell’Apocalisse: carestia, guerra, pandemia, morte dell’umanità. La Guerra fu esclusa: i Signori volevano venire in possesso delle ricchezze della Terra intatte e soprattutto interessavano loro le infrastrutture in buono stato; la Carestia avrebbe potuto portare a conflitti fra le popolazioni e l’autorità costituita, i cui esiti sarebbero potuti sfuggire loro di mano; la Morte dell’umanità tramite la fine della procreazione attraverso aborti, genderismo e ideologia LGBT avrebbe richiesto troppo tempo e fu scartata; rimaneva la Pandemia. Il Concistoro Segreto dei Signori del Mondo stabilì che quella era l’unica via percorribile: avrebbe diminuito la popolazione mondiale, avrebbe lasciate intatte ricchezze e infrastrutture, e soprattutto, creando panico, avrebbe fatto sì che la gente, spaventata, si sarebbe chiusa nelle proprie case senza ribellarsi alle autorità, legate ai Signori del Mondo. I laboratori segreti militari da tempo stavano lavorando a questo progetto: era stato preparato un virus a “geometria esponenziale variabile”, cioè in grado di colpire per età, per gruppi etnici e per genere, con un grado di aggressività a seconda delle necessità. Ovviamente per i “prescelti”, dai gradi più alti all’ultimo degli “untori” era stata garantita la vita grazie ad un vaccino polivalente speciale.
Fu deciso di testare il virus partendo dalla Cina. Fu messo in giro all’inizio un agente patogeno che avrebbe causato una mortalità relativamente bassa, intorno al 3%, per poi portarla fino al 10% e infine fino al 70-80%. La sperimentazione riuscì perfettamente. Fu poi testato in Europa, in Italia e Spagna) con una mortalità del 10% e anche in questo caso il virus funzionò alla perfezione. Ma la cosa più importante per i Signori del Mondo furono i risultati psicologici e gli effetti sociali della Pandemia: la manipolazione dei popoli. La gente terrorizzata obbedì totalmente ai decreti liberticidi che via via venivano emanati dai governanti e a parte qualche voce dissonante, bollata come complottista, il 99% delle persone accettò di buon grado di farsi condurre supinamente al macello. Intorno al mese di Agosto, l’Operazione Cigno Nero subì una sosta, già pianificata. Le morti e i contagi diminuirono drasticamente. La gente incurante degli appelli a tenere la guardia alzata lanciata da alcuni studiosi, uscì dalle case, dandosi alla pazza gioia per lo scampato (così pareva a loro) pericolo. Non sapevano, meschini, che in autunno sarebbe partita la nuova Operazione: Cigno Nero2. A metà Ottobre, infatti, decine di “untori” accesero nuovi focolai nel mondo. Fu l’olocausto. La primavera successiva vide la popolazione mondiale sfiorare i 500 milioni di abitanti. Il mondo era stato resettato. Il ciclo della vita, governato dai signori del mondo riprese lentamente il suo cammino. In Europa il 70% degli uomini erano stati eliminati. In compenso le donne poterono continuare il loro compito biologico, quello cioè di procreare e perpetuare la specie , grazie alla presenza di milioni di giovani e aitanti dalla pelle nera, portati precedentemente nel continente e preservati dalla pandemia grazie al virus programmato per preservare la loro etnia.”

L’europa decadde rapidamente diventando una terra celebre per le sue favelas, per i gioiosi carnevali e per le ballerine di Zumbo* (NdS)

  • danza neo-tribale afroeuropea con ballerine discinte e provocanti.

14 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*