Alfio, Articoli

Coronavirus e scuole.

La notizia che quattro regioni del Nord a guida leghista hanno chiesto la sospensione della frequenza scolastica ai bambini cinesi che tornano dalla Cina, ha suscitato un’ondata di indignazione e riprovazione a sinistra. Molti hanno parlato di ” odiosa discriminazione” ed altri di “razzismo”. Che memoria labile hanno questi sinistrati. Solo qualche mese fa, prima che scoppiasse la questione coronavirus si leggevano sulla stampa notizie simili:

Vaccini a scuola. Sanzioni ed esclusioni per gli alunni non ancora in regola. Italia a macchia di leopardo

Stanno riaprendo le scuole in tutto il Paese, ma migliaia di bambini degli asili nido e delle scuole d’infanzia non in regola con le vaccinazioni restano fuori dall’aula perché la frequenza è subordinata alla regolarizzazione o almeno all’inizio del percorso di recupero vaccinale. Si prevedono inoltre sanzioni pecuniarie per le famiglie di decine di migliaia di studenti inadempienti. Dieci le vaccinazioni obbligatorie.Incerto il destino del disegno di legge sull’obbligo flessibile (Agesir).

E questa come la chiamiamo, integrazione?

5 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*