Articoli

10.000 dromedari saranno abbattuti in Australia

Condannati a morte dal Tribunale del Global Warming di Greta saranno abbattuti da cecchini che spareranno da decine di elicotteri. Non ci credete alla condanna a morte? Sono accusati di vari reati: bevono troppa acqua; assaltano i villaggi (?); e soprattutto le loro flatulenze in un anno producono una quantità di Co2 pari alle emissioni di 400.000 automobili. Questa massa di anidride carbonica, secondo Greta e i gretini, favorisce il Global Warming e quindi gli incendi dei boschi. Tutti voi avrete appreso che quest’anno le temperature in Australia superano i 45° però nessuno sa che il legno per bruciare ha bisogno di 250°. Quindi, invece di sparare a 400.000 auto, i seguaci del Verbo di Greta hanno deciso di sopprimere 10.000 creature viventi. Gli elicotteri che serviranno ai 100 cecchini per eliminare gli incolpevoli animali bruceranno tanto carburante quanto le flatulenze dei 10.000 dromedari. Amen!

6 Comments

  1. Complimenti Alfio…
    scrivi storie sempre più belle!!
    Pensa che tragedia se non fosse frutto della tua fertile fantasia..
    Rabbrividisco…

  2. Quante vacche e maiali si abbattono ogni giorno senza tutto ‘sto clamore? Se poi metti nel conto anche il pollame, apriti cielo!

    Sul fatto che sia un’operazione di facciata senza un’incidenza concreta, invece, sono sostanzialmente d’accordo.

  3. Lucio M. Balbo

    L’Australia è un esempio di cosa succede quando si introducono in un territorio specie alloctone. Per esempio dai 24 conigli lasciati liberi nel 1859 da un certo Sig. Austin sono arrivati ai danni devastanti prodotti da miliardi di esemplari. Ovviamente i 1800 chilometri di rete realizzati tra fine ottocento e primi novecento non servirono a nulla … oggi la guerra di contenimento dei conigli si fa con le armi biologiche a cui la natura però risponde creando varianti resistenti ai vari virus impiegati (l’ultimo è un calicivirus)
    Altro problema australiano gli asini ed ora cammelli e dromedari anche questi introdotti nell’ottocento per avere un animale da soma e da sella capace di muoversi nei deserti australiani.
    Oggi in Australia i controlli alle frontiere sono severissimi per evitare disastrose nuove esperienze … non solo su vegetali ed animali o insetti ma anche su “bipedi implumi”

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*