22 Comments

  1. citazione politicamente scorretta di un comico comunista e grillino:
    «La corazzata Kotiomkin è una cagata pazzesca»

  2. pecunia non olet

    • da wikipedia:
      questa frase (“il denaro non puzza”), collegata all’urina usata per ottenere la preziosa ammoniaca, per i romani era anche un gioco di parole, perchè pecunĭa derivava da pěcus, pecoris, ( gli animali allevati erano ricchezza) e quindi significava anche, stranamente, “la pecora non puzza”

  3. Zalone era,e’, e sempre sara’ deviato delirante di sinistra ,come tutti gli artisti (anche se Barese,tendenzialmente e “geneticamente” a Destra ).
    Lega gestita da “fresconi” ,gli stessi ottusi che regalarono in Estate il propio posto di Governo alla piu’ becera sinistra,tenta di imitare “Forza Ottusi” che promuovevano nelle sue fila ,attori ,cantanti e persone dello spettacolo nella demente speranza di ottenere piu’ voti : ITALIA MERITA PERSONE INTEGERRIME E SOPRATUTTO DALLE PROVATE CAPACITA’ MENTALI SUPERLATIVE, non menestrelli ed artisti da circo ! Per tale ragione l’Italia e’ oramai ridotta ad essere nel degrado sociale,culturale ed economico piu’ profondo e vergognoso ,rimanendo ancora “viva” ed in piedi solo grazie agli straordinari impenditori e uomini d’ingegno che FUORI dai Governi, nel silenzio e lontano dai riflettori,producono lavoro, richezza Nazionale e diffondono sani esempi.Tutto nonostante Italia sia ridotta ad essere un mero Stato Comunista ,con la distruzione delle aziende private e demonizzazione e depredamento totale della propieta’ privata (tasse comunali abominevoli su tutto:Anche una vecchia cantina diroccata viene considerata propieta’ borghese da tassare e depredare, costringendo il propietario alla disperazione,svendendo ) ,il ribaltamento sistematico delle verita’ ,del giusto e del buono,distruzione dei principi di civilta’ guadagnati nei Secoli !
    Solo la DESTRA PURA (non quella capitalista in stile Alleanza Nazionale ma quella SOCIALE !)e’ speranza di rinascita NAZIONALE e di elevazione etica,morale, culturale, morale ed economica per la Nazione.

  4. In questo paese di comunista non ci vedo niente, vedo però un paese privatizzato da democratici amici e alleati. Stiamo diventando francesi o tedeschi o americani o israeliani? Si stanno spartendo la torta a nostra insaputa.

    • Privatizzato dai “Democratici” ? Democratici e M5S (e quel che resta di F.I. fortunatamente in estinzione) sono la quintessenza del socialismo globalista, cancro delle societa’. In Italia,basta vedere tasse patrimoniali comunali : Possedere qualsiasi immobile (ed ev. terreno) diverso da quello ove si ha residenza ,significa subire tassazioni a pioggia fino lo stremo, anche se tale immobile NON produce guadagni anzi il contrario(ad es. un casa ereditata diroccata ovviamente inaffittabile).Che dire della tassazione delle autovetture ? Pagare il supplizio del bollo auto non sarebbe una tassa ingiusta sulla propieta’ privata rappresentata dal mezzo meccanico ? Continuando : TASSAZIONE delle rendite finanziarie.Cos’e’ se non un’aggressione a beni privati ? L’Italia era ed e’ devastata dai social-comunisti ,infiltrati oramai da un Secolo in tutti i gangli vitali Nazionali,nelle scuole, luoghi di pura propaganda politica ove precetti socialisti con tutte le loro mostruosita’ vengono inoculate a piccole dosi nelle giovani menti da formare. M5S e PD,manipolo d’incapaci e traditori, molto al di sotto del piu’ stupido degli Italiani ,hanno il potere assoluto in Parlamento per colpa della stoltezza dei dirigenti Lega.
      Dall’alto dei loro scranni, impongono loro follie e con prepotenza umiliano e mortificano il volere della stra-grande maggioranza del popolo Italiano.Per colpa e demenza imperdonabile Lega, nonostante la sinistra aberrante abbia la minoranza piu’ squallida, riuscira’ ad imporre anche (di nuovo come sempre !!) un Presidente della Repubblica 100% a sinistra, probabilmente Prodi (!) .
      Alla luce di quanto sopra , l’Italia sarebbe in vera democrazia o schiacciata da regime socialista ?

    • chissà perchè la DESTRA PURA non rimedia agli errori della lega…

  5. frescone: alterazione eufemistica del romanesco fregnone sinonimo di minchione, coglione;
    è interessante notare che sia l’organo genitale femminile sia quelli maschili vengano usati indifferentemente per formulare insulti; ed è strano che organi considerati giustamente preziosi per il piacere che forniscono e per la propagazione della vita siano anche tanto sviliti

    • il termine denigratorio “ottuso” , invece, è giustamente collegato con le armi bianche le cui lame , per poter ferire, devono essere acuminate (acute) e non smussate (ottuse) e, metaforicamente, anche la mente, per poter sconfiggere i problemi, deve appunto essere acuta e non ottusa;
      (poi i termini sono stati anche usati in geometria per distinguere gli angoli maggiori o minori di 90°)

    • ma in effetti non è poi così strano se si pensa che, evolutivamente, c’è spesso un conflitto tra le istanze che mirano alla sopravvivenza degli individui (e delle società) e quelle (soprattutto sessuali) che mirano alla sopravvivenza delle specie

    • ma in effetti non è poi così strano se si pensa che, evolutivamente, c’è spesso un conflitto tra le istanze che mirano alla sopravvivenza degli individui (e delle società) e quelle (soprattutto sessuali) che mirano alla sopravvivenza delle specie

  6. “elevazione etica,morale, culturale, morale ed economica”:
    ci sono due “morale” di troppo !
    ma sui concetti di etica e di morale sono stati scritti milioni, miliardi, fantastilioni di libri (sigh)

  7. …………….
    Ho visto il film ieri . sera una sala cinematografica gremita. E- un film piacevole . Magnifica la fotografia dei paesaggi africani . Molto qualunquista e buonista appunto per non scontentare nessuno ( in questo intento però Zalone non è riuscito …evidentemente perché molti ritengono il film di sinistra )
    . Se proprio vogliamo trovare un messaggio politico è che le tasse e la burocrazia italiane sono peggio dell’ISIS come sostiene il protagonista che è il cliché di tutti gli italiani … che fingono di essere razzisti , che amano i bambini , che fanno i furbi appena possono , che odiano le regole , che amano la mamma e solo da lei sono riamati , pronti a tradire la moglie , gelosi , generosi , adulatori dei potenti , spacconi , un po’ fascisti quando c’è troppo sole , che si sentono patrioti solo quando gioca la nazionale , che sono i migliori amici degli africani e sono i più amati dagli africani , che amano sognare , che sono pasticcioni , che si sentono tutti partecipi del genio italico …eccetera eccetera
    ………………
    https://www.corriere.it/spettacoli/20_gennaio_02/checco-ne-destra-ne-sinistraliberta-assoluta-senza-complessi-4bddfaf6-2d8a-11ea-af94-9dcececd831c_amp.html?fbclid=IwAR13lvQXcylhkNIOk5r6Eho7srdtKOOESOCzbCO53_Vj04I5i6Y7nF_yPqM
    ………………………
    A me è sembrato un film antistatalista e libertario . Certamente non di sinistra :l’unico personaggio veramente cattivo e odioso del film è un africano con gli occhialini che apprezza Pasolini e il neorealismo italiano che pare troppo un radical chic intellettuale di sinistra tradisce i suoi tre amici nonché il francese che gli ha salvato la vita , e li consegna ai terroristi come prigionieri e ostaggi .
    ………………..
    Condivido questa recensione
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/01/03/tolo-tolo-checco-zalone-mi-e-venuta-in-mente-la-vita-e-bella/5649270/
    Come non vedere le analogie ? Io trovo che tolo tolo sia un film quasi plagiato da “ la vita è bella “ . Il nostro eroe che passa attraverso le guerre civili e i bombardamenti senza accorgersi di essere in mezzo a una guerra civile e a un bombardamento ? La barchetta dei profughi che va in mezzo al mediterrareo con la canzoncina in sotto fondo della “ e la nave va “ di Orietta Berti ? Durante il naufragio i naufraghi improvvisano un girotondo e poi partono i cartoni animati ?
    Ci sono richiami evidentissimi , ma c’è pure un superamento , come in don Chishotte rispetto all’eroe cavalleresco . Come in Cervantes i toni sono volutamente esagerati e da lì si crea l’ effetto comico , in cui anche il buonismo viene preso in giro . Il buonismo sia di Benigni o dei registi “ impegnati “ sia degli antifascisti o degli amanti del terzo mondo di professione , il buonismo per i quali i migranti sono tutti brava gente o gli africani sono tutti più civili degli europei, o il buonismo dei conduttori televisivi o il buonismo delle bravo cittadino contento di pagare le tasse perché ha tanto senso civico e le tasse sono necessarie e bellissime .. e i politici e i burocrati rappresentano il popolo italiano perché sono democraticamente eletti o hanno passato il regolare concorso pubblico per diventare prefetti .
    C’è un rovesciamento simmetrico rispetto all’ operazione di Cervantes , Nella prima opera l’eroe Rolando o Ivanoe rappresentava il sentire e le aspirazioni di tutto il mondo che voleva innalzarsi al livello degli ideali dei cavalieri carolingi o britannici … pronti a combattere per l’ideale e la donna amata . Nella seconda opera don Chisciotte rappresenta la paranoia di un individuo pazzo ( che tenta di insegnare la sua visione al fedele Sancho Panza )
    In Benigni l’ eroe è un individuo solo ( un pazzo , un visionario ) che tenta di convincere un bambino
    In Zalone l’eroe ( un creativo , un sognatore ) tenta di convincere l’ intellettuale africano e poi il bambino sulle cose di cui è convinta la stragrande maggioranza degli spettatori dei film o almeno tutti salvo i radical chic ( che l’ Italia sarebbe un ottimo paese se non ci fosse oppressione fiscale e burocratica ,,,, che forse è meglio la guerra civile che la guerra in famiglia … che i paradisi fiscali sono meglio degli inferni fiscali ,,, che l’ Europa civilizzata è meglio dell’ Africa post colonizzazione dove la “ colonizzazione “ continua armando l’ ISIS e fomentando guerre civili … che la televisione non racconta tutta la verità …)

    …………….
    Un mio amico , al quale il film non è piaciuto affatto , dopo le mie osservazioni mi ha scritto che rivedrà il film con altri occhi , cercando la poesia che non ha visto . In realtà non occorre cercare nessuna poesia in tolo tolo
    Dopo tante lacrime e discorsi retorici sui poveri migranti ecco un film che parla di quotidianità , dove la morte e le guerre e i naufragi sono accidenti inevitabili in questa valle di lacrime , incidendi che , per l’italiano qualunque , fermano la digestione sul divano davanti alla televisione per 20 secondi e poi passa tutto e si ritorna al negro sottocasa che può essere buono o cattivo, analfabeta o laureato , imprenditore o sfruttato , leale o traditore così come in mezzo agli africani in fuga ( ci ricorda il film ) ci sono o ci possono essere tante realtà diverse , al di là delle retoriche dei parolai partiti italiani di destra e soprattutto di sinistra
    Il film non è e non vuol essere poetico , ma prosaico perché assolutamente antiretorico : si può scherzare su tutto , sugli stupri da parte dei guerriglieri , sul riconoscimento di cadaveri, sui familiari straziati dal lutto che vanno in televisione , sui naufragi dei migranti , sulle migrazioni eccetera .
    L’abilità del regista, sceneggiatore e attore sta nel non calcare troppo la mano , cambiando repentinamente registro quando c’è il rischio di entrare nella poesia o nella retorica
    Il film diventa allora teatro epico didascalico brerchtiano perché sul più bello troviamo canzoncine melense , cartoni animati , coretti di bimbi , cartelloni per riprese cinematografiche o .Zalone che diventa docente del pubblico al cinema .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*