Articoli

Sempre a proposito di Augias

e della comodità di stare a destra e della difficoltà di essere di sinistra…


Scortata dalla polizia e sotto strette misure di sicurezza, con controlli con i metal detector all’ingresso, Carola è per la prima volta in Italia dopo i fatti di quest’estate. E’ qui per  presentare il suo libro, “Il mondo che vogliamo”, appena pubblicato da Garzanti. “Sono stata avvicinata da molte case editrici dopo quella missione – racconta Rackete alla Fondazione Feltrinelli, invitata dall’eurodeputato Pierfrancesco Majorino, con rete People e Casa Comune – Non avevo mai pensato di scrivere un libro, dato che ho sempre lavorato su diverse navi, anche in aree polari, e mi sono sempre solo occupata di questioni scientifiche, avendo studiato  conservazione ambientale. Ma avevo delle cose da dire sulla connessione fra le questioni ambientali e la giustizia sociale. I ricavi del libro che ho scritto vengono devoluti a una organizzazione che si occupa di rifugiati” Repubblica.it

Praticamente questa scrive un libercolo con le tesi dei centri sociali e non viene pubblicato dalla casetta editrice Giuseppe Giuseppini di Capracotta, ma da Garzanti. Il ricavato, ovviamente, andrà a favore dei clandestini. Lei sicuramente non ha bisogno di denaro, nonostante sia vestita da scaramacai, è figlia di papi. Com’è difficile stare a sinistra…

7 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*