Articoli

Cucchifobia


Sia ben chiara una cosa: è giusto che i carabinieri responsabili della morte di Cucchi vadano in galera senza se e senza ma. Tuttavia alcune considerazioni vanno fatte. Da quando la sinistra si è impossessata della “vittima della violenza delle istituzioni (Arma dei Carabinieri)”, la figura del geometra è entrata nel cerchio magico del politicamente corretto e la sorella consacrata sacerdotessa laica di tale culto. Quindi, se qualcuno osasse criticare la vita del Cucchi quale pusher, entrerebbe automaticamente nella categoria degli Odiatori , pertanto passibile di querela ( vedasi minaccia denuncia a Salvini ). Dopo l’antisemitismo, l’omofobia, il razzismo, il sessismo, etc, un nuovo muro si parerà di fronte agli haters: la cucchifobia.

13 Comments

  1. Giovanni Soprana

    Alfio sei un mito la sorella non è ancora contenta di quello che ha preso adesso prova con Salvini. E ti dirò di più io, come te, ho fatto il lagunare, ma non sono d’accordo col papà di Vanzan che pretende la medaglia d’oro al valor militare quando Matteo è morto più per il tempo che ci è voluto a portarlo in ospedale per non rispondere al fuoco il suo, a parer mio è più un infortunio sul lavoro non vedo niente di eroico, altrimenti bisognerebbe dare la medaglia al valor civile ad ogni muratore che cade dall’impalcatura.

  2. Vergognati

  3. No, sinceramente è la riprova che sui social ognuno si ritiene libero di scrivere puttanate e offese senza pagarne le conseguenze.

    • Mi spiace per lei, ma io sono sotto querela e il 20 giugno prossimo sarò in tribunale citato da un personaggio di sx. Semmai moderi lei il linguaggio. Non vorrei che nella sua frase ci fossero gli estremi della diffamazione.

  4. Il fatto che lei sia in tribunale forse è la conferma di quello che ho scritto. Non capisco dove sia la diffamazione. Lei scrive quello che pensa, lasci la libertà di scriverla anche a chi non è d’accordo.

  5. Scusate, non ho saputo usare il Reply

  6. Ed allora di che dovrebbe vergognarsi?

  7. ognuno ha i martiri che si merita

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*