Racconti fantastici

Gli sfollati 1

1aPuntata

Giovanni e la sua famiglia, moglie e due figlioletti, da due mesi erano costretti a vivere  nella loro macchina. L’uomo era  rimasto senza lavoro, e la banca, da quando aveva smesso di pagare le rate del mutuo, gli aveva confiscato la casa.
Anche la moglie, impiegata presso una ditta, aveva perso il lavoro. Sopravvivevano facendo lavoretti saltuari e lavorando un paio di giorni la settimana presso un’impresa di pulizie. Nello spiazzo, ai margini della città, dove avevano parcheggiato la loro macchina, nelle stesse condizioni vivevano altre tre famiglie. La sera, tutti insieme,  si ritrovavano sulle panchine di un  giardinetto spelacchiato, e mentre i bambini giocavano,   parlavano delle loro grame prospettive e delle loro  disgrazie. Avevano soprannominato quel luogo “Il Lacrimatoio“. Tutti quanti avevano fatto la solita trafila  nelle varie associazione  caritatevoli, di volontariato e di assistenza, ma tutte le volte gli era stato detto che prima  venivano i migranti, poi gli autoctoni.  Erano andati anche a chiedere alloggio in un palazzo occupato dai centri sociali, ma non appena avevano visto che erano italiani, erano stati cacciati fuori in malo modo. Per loro non c’era la possibilità di avere  un tetto. Gli stranieri avevano la priorità.
Una mattina, Giovanni girando per la città in cerca di un lavoretto, trovò su una panchina un giornale. Si sedette e iniziò a leggerlo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*