Racconti fantastici

Gli Sfollati 2

2a Puntata

Vide una foto che lo folgorò. Si trattava di una trentina di “migranti”  fotografati, ridenti e ben vestiti, davanti all’ingresso di un hotel a 4 stelle. Il giovane lesse il seguito, Apprese che gli africani sarebbero stati tenuti in albergo fino a che non si fosse trovata loro una “sistemazione  dignitosa e un lavoro”. Inoltre ad ogni individuo sarebbero stati corrisposti 3 euro al giorno, sigarette, schede telefoniche e vitto. Si immaginò, insieme alla sua famiglia, su un gommone o su un vecchio peschereccio, mentre sbarcava su qualche costa del meridione, accolto con tutte le cure dai volontari della Caritas o di altre associazioni filantropiche. In quel momento gli balenò prepotentemente in testa un‘idea.  
“ E perché no?!”  
Prese la metropolitana e tornò alla sua “abitazione”.
Sua moglie con l’ausilio di un fornello da campeggio stava preparando un po’ di caffè.
“ Maria, quel tuo parente a Marsala fa sempre il pescatore?”
“ Sì, perché?”
“Telefonagli e digli che presto andrò a fargli visita…”
“Vuoi fare il pescatore anche tu?”
“No…no…”
Sì avviò verso le altre tre macchine di sfollati parcheggiate nella piazza.
“Aldo, Enrico, vi devo parlare!”
I due uomini impegnati nelle pulizie delle loro “abitazioni” riposero gli stracci e lo seguirono.
Giovanni porse loro il giornale: “leggete qui…”
I due lessero sottovoce l’articolo e poi lo commentarono.
“ Guarda che roba! Hotel a 4 stelle e noi cittadini di questo paese costretti a vivere in macchina!”
“ Amici, mi è venuta un’idea stupenda!”
“Mmmhhh…l’ultima volta che hai avuto un’idea, per poco non finivamo tutti e tre in galera…Volevi occupare un appartamento popolare che invece era stato occupato da una famiglia congolese. Per poco, se non fosse stato per quel commissario, ci arrestavano per violenza privata, violazione della proprietà  e xenofobia…”.

4 Comments

  1. Liana Landini

    a quando la 3° puntata? voglio sapere come va a finire

  2. La storia promette bene. Continua così.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*